LE MIE ULTIME RECENSIONI...

mercoledì 11 aprile 2012

RECENSIONE: "LO SPECCHIO delle FATE"

"Lo specchio delle fate" di Jenna Black:

Dana Hathaway non lo sa ancora, ma sta per cacciarsi davvero nei guai. Quando sua madre si presenta al saggio di fine anno ubriaca, la ragazza capisce di averne abbastanza: è giunto il momento di prendere un volo che dagli Stati Uniti la porterà fino alla lontana Inghilterra. È diretta verso la mitica città di Avalon, l’unico posto sulla terra in cui il mondo umano e quello delle fate entrano in contatto e dove vive il suo misterioso padre.
COVER ORIGINALE
Ad Avalon però, il viaggio comincia ad andare storto e Dana si trova invischiata in un gioco molto pericoloso: qualcuno sta cercando senza dubbio di farle del male. Ma soprattutto, sembra che tutti vogliano qualcosa da lei: sua zia Grace, Ethan, un affascinante ragazzo dotato di straordinari poteri, e Kimber, sua sorella. Ma cosa, esattamente? Persino suo padre pare intenzionato a tenerla all’oscuro di tutto quello che le sta accadendo… Intrappolata tra due mondi, coinvolta in oscure trame di potere, la ragazza non sa più di chi può fidarsi, ma ha capito bene che la sua vita non potrà più tornare quella di una volta.

Cosa penso:
Come dice un vecchio proverbio: “chi lascia il vecchio per il nuovo sa cosa lascia ma non sa cosa trova!!!”
Bisogna sempre dare ascolto ai vecchi proverbi, dopotutto se esistono vuol dire cha hanno un fondo di verità… o no?
Soprattutto Dana Hathaway, protagonista de “Lo specchio delle fate”, avrebbe dovuto dare retta “al vecchio saggio”, perché se così avesse fatto non si sarebbe ritrovata in un mare di guai…

A soli sedici anni, Dana si ritrova a badare ad una madre alcolizzata, a pagare le bollette di casa e a mandare avanti gli studi, cosa non facile talaltro visto che a causa delle paranoie della madre – quando è abbastanza sobria da averle – è costretta a cambiare in continuazione scuola, città e stato.
Già, perché Dana non è un’adolescente normale… lei è per metà faire, la metà derivante dai geni del padre, un padre che non sa neanche lontanamente che lei esiste, visto che la madre è scappata da Avalon, una cittadina neutrale situata nel cuore dell’Inghilterra, quando si accorse di essere in cinta di Dana e da allora non si è più fermata, per paura che il padre di sua figlia, rivendicandone la paternità, l’avrebbe “rapita” e riportata con sé ad Avalon.
Dopo sedici anni di continue umiliazioni e paure dovuti all’alcolismo della madre, Dana decide l’impossibile: riuscendosi a mettere in contatto con il padre ad Avalon, decide di scappare lontano da sua madre per poter ricominciare una nuova vita… per poter cominciare a vivere.
Ma Dana non sa che il volo che prenderà dagli Stati Uniti per Avalon la porterà direttamente in un mare di guai.
Questo è un classico esempio di quel che si dice “cadere dalla padella alla brace”

Non vado oltre perché è giusto che scopriate gli eventi da voi.
Dopotutto non è giusto rovinarvi la sorpresa e per questo libro, credetemi, vale il gusto della sorpresa.
E per me questo libro è stato veramente una bella sorpresa.
Non me lo sarei mai aspettato: dalla trama mi sembrava qual cosa di già letto e anche di recente…
Avete presente quel libro là, come diavolo si chiama, a già “Switched” della Hocking, quella boiata pazzesca di storia sui troll - cioè Trylle – ecco, “Lo specchio delle fate” dalla trama me lo ricordava parecchio, quindi dovete scusarmi se dico che all’inizio ero un po’ scettica se leggerlo o meno.
Bé dopotutto avevo avuto una brutta esperienza in passato, quindi il termine “andarci con i piedi di piombo” ci stava tutto.
Ma esperienze passate mi hanno anche ricordato che non bisogna basarsi sull’apparenza, quindi ho stretto le spalle e mi sono detta “coraggio, forse non sarà poi così male”.
e che culo che mi sono data retta, se così non fosse stato non avrei letto questo libro e mi sarei persa un gran bella storia.
L’apparenza inganna… non lasciatevi traviare dalla trama: il libro sin dalla prima pagina mi ha dato una “ventata” di originalità.
E anche la protagonista, Dana, ha una sua originalità: non è la classica adolescente che si crede una cozza e poi si scopre di essere una-gran-figa-e-per-giunta-una-principessa che le storie Y.A. recenti ci hanno propinato.
Dana sa quali sono i suoi pregi e quali i suoi difetti; sa di essere una ragazza piacente e come giocare le sue carte…
Lei sa quali sono le sue origini, sa il ruolo di potere che ricopre il padre… l’unica cosa che non sa è che la sua vita sarà sconvolta definitivamente.
Anche il comportamento di Dana è tipico di un’adolescente: impetuoso, si lascia dominare dalle pulsioni e non pensa prima di reagire per non parlare del tipico linguaggio adolescenziale…
E come ogni “buon adolescente che si rispetti” il suo dramma personale è più grande di quello di chiunque altro.
La Black, ha creato un personaggio reale e l’ha intercalato in un contesto fantastico e tutto questo senza forzature.
Forse per questo ho apprezzato molto lo stile di quest’autrice.
Uno stile fresco, innovativo che mi ha catturato sin dalle prime pagine… ho voluto tirare la lettura un pò per le lunghe, ma l’avidità che mi ha messo addosso questa storia non me l’ha permesso.
Speriamo che gli altri due libri siano ancora più belli…
Speriamo che vengano pubblicati al più presto qui da noi.

Quindi, un grosso grazie alla Black, per aver creato una storia veramente fantastica

CONSIGLIATISSIMO!!!

L'ho letto il... 7 Aprile 2012
GIUDIZIO:

8 commenti:

  1. Sa molto di tema ricorrente ma son contenta di trovare una tua recensione positiva.

    RispondiElimina
  2. wow come sempre le tue recensioni sono splendide. non faccio altro che aggiungere libri su libri alla mia wish! ^___^

    RispondiElimina
  3. Sono contenta di trovare una recensione positiva al libro. Io mi sono divertita un sacco nel tradurlo, sono la traduttrice italiana, anche se a volte avrei preso a pugni Dana per tutti i problemi che si fa :) Non so darti informazioni sulle uscite della trilogia completa(non so neanche se la tradurrò io, figurati..) ma spero proprio che la pubblichino presto!

    RispondiElimina
  4. @micia e @Saya: ragazze leggetelo, ne vale la pena credetemi.
    Anch'io all'inizio avevo un pò di remore, il mio è stato un grandissimo salto nel buio... ma poi è andato tutto per il meglio e il libro mi è piaciuto.
    Mi è piaciuto dall'inizio fino alla fine.

    @Cristina Baccarini: è un vero onore averti a Lasciami Leggere!!!
    Sì, il libro mi è piaciuto e parecchio devo dire.
    Dana è il mio personaggio preferito e sinceramente mi è veramente simpatica...
    Dici da prendere a pugni?
    Bé, dopotutto non si discosta tanto dagli altri adolescenti "linciabili" sulla faccia della terra.
    Non vedo l'ora anch'io che venga pubblicata il resto della serie, speriamo davvero che la Newton acceleri i tempi di traduzione.

    Un abbraccio a tutte!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Blake sono proprio contenta che il mio "bambino di carta" ti sia piaciuto! :D Tante volte ci si dimentica che a dare vita a un autore straniero c'è dietro un traduttore, ma sono contenta di essere riuscita a fare arrivare la mitica Jenna (tra l'altro, un'autrice disponibilissima a rispondere via mail a quesiti, dubbi ecc.)al pubblico italiano :) A questo proposito, posso chiederti, quando recensisci un libro, di riportare il nome del traduttore oltre a quello dell'autore? E' una piccola battaglia che tutti noi della categoria cerchiamo di portare avanti e sarebbe bello se anche voi, sui vostri blog, faceste sentire la nostra voce.
      Per quanto riguarda Dana, sai quando traduco è come se passassi un lungo periodo con i personaggi del testo a cui mi dedico, e imparo ad amarli, odiarli, vorrei prenderli a schiaffi, a volte aiutarli. Come dici tu però Dana non è poi così lontana da molti adolescenti "linciabili"(e ne so qualcosa, sono anche una prof.!), diciamo che in certe parti l'avrei preferita un po' più decisa. E non aggiungo altro per non svelare nulla della trama.
      Torno a lavorare :) A presto!

      Elimina
    2. Cristina hai pienamente ragione.
      Io stessa mi ritrovo a lodare gli autori per "il loro colpo di genio", ma mai viene spesa una parola per chi quel "colpo di genio" lo fa arrivare qui da noi...
      Voi siete quelli che lavorate dietro le quinte e dopo l'autore siete coloro che fate il lavoro più grande, dandoci il piacere di leggere quei romanzi che, per chi come me è ignorante in materia di lingue, non avrebbe modo di leggerli se non in italiano.
      Grazie tante per aver reso possibile questa lettura qui da noi...

      A presto e buona giornata.

      Elimina
  5. Uffi, io faccio le mie belle pianificazioni su quali libri leggere prima e quali dopo... poi leggo le tue recensioni e addio! :)
    Come sai ho già a casa "Lo specchio delle fate", spero mi entusiasmi quanto ha entusiasmato te!!

    Ps. Inutile dirti che hai fatto una bella recensione, vero? :p
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Sara!!!
      Non vedo l'ora di leggere la tua...

      Elimina

Ultimi Post