LE MIE ULTIME RECENSIONI...

martedì 7 agosto 2012

RECENSIONE: "CINQUANTA SFUMATURE DI ROSSO"

"Cinquanta sfumature di rosso" di E.L. James:

Quella che per Anastasia Steele e Christian Grey era iniziata solo come una passione erotica travolgente è destinata in breve tempo a cambiare le loro vite.
Ana ha sempre saputo che amarlo non sarebbe stato facile e stare insieme li sottopone a sfide che nessuno dei due aveva previsto. Lei deve imparare a condividere lo stile di vita di Grey senza sacrificare la sua integrità e indipendenza, lui deve superare la sua ossessione per il controllo lasciandosi alle spalle i tormenti che continuano a perseguitarlo. Le
COVER ORIGINALE
cose tra di loro evolvono rapidamente: Ana diventa sempre più sicura di sé e Christian inizia lentamente ad affidarsi a lei, fino a non poterne più fare a meno. In un crescendo di erotismo, passione e sentimento, tutto sembra davvero andare per il meglio. Ma i conti con il passato non sono ancora chiusi...
Questo è il terzo e conclusivo volume della trilogia Cinquanta sfumature, il cui successo senza precedenti è iniziato grazie al passaparola delle donne che ne hanno fatto un vero e proprio cult ponendolo al primo posto in tutte le classifiche del mondo. 

Cosa penso:
 E con questo terzo libro si conclude la serie più chiacchierata degli ultimi tempi…
Nel bene e nel male ha fatto parlare molto di sé creandone così un caso mediatico.
Dopotutto la fama di “Fifty Shades” è nata così: un passa parola in rete di “proporzioni bibliche” fino ad arrivare oltre oceano e approdare nella nostra Moralistica Penisola scandalizzando i più, appassionando i pochi e facendo parlare bocche avide di ossigeno che di questa serie hanno appreso solo le linee generali, hanno deciso che leggerla era un peccato quasi mortale e criticato chi l’ha letta e l’ha apprezzata etichettandoli come deviati sessuali bisognosi di un terapeuta, e muovendo campagne di boicottaggio nei più famosi social network affinché nessuno andasse a comprare questa deprecabile e sporca trilogia
Ebbene la signora James ringrazia di cuore chi ha deciso di iniziare questa campagna di boicottaggio perché grazie ad essa quei pochi che ancora sconoscevano la trilogia, mossi a curiosità, hanno deciso di leggerla… E PORCA MISERIA L’HANNO PURE APPREZZATA!!!
Che gente sporcacciona!!!


Dunque dopo aver detto la mia – dopotutto sono libera di dire la mia, come sono libera di scegliere i miei libri e quello che voglio leggere e soprattutto sono libera di poter apprezzare un libro – vediamo un po’ di parlarvi di “Cinquanta Sfumature di Rosso”, terzo e ultimo capitolo della trilogia.

La storia riprende qualche mese dopo l’epilogo del secondo capitolo…
Anastasia e Christian sono finalmente sposati e si godono la loro fantastica Luna di Miele in giro per l’Europa e attraverso dei flash back tra presente e passato, Anastasia ci racconta gli eventi intercossi dalla proposta di matrimonio, il giorno del fatidico SÌ fino ad arrivare al presente.
Ma il loro idillio non avrà vita lunga.
Non tutti apprezzano la loro felicità… c’è chi cova rancore da molto tempo e presto i fantasmi del doloroso passato di Christian torneranno a tormentare il suo presente minacciando la sua tranquillità domestica e sentimentale.

In linea di massima è tutto qua, non posso dire oltre se no rischierei di spolierarvi parti importanti e rovinarvi così la sorpresa.
Vi basti sapere che in questo ultimo capitolo succede un po’ di tutto e l’epilogo – scontato direi – di cui tutti vi immaginerete come si concluderà, darà una nuova visione di Christian lontana anni luce dal Christian Grey, da quel Mr. Cinquanta Sfumature, che abbiamo conosciuto all’inizio della serie.
Una persona del tutto nuova, cambiata, ma che comunque fa intravedere in sé il bambino impaurito e sperduto che ha forgiato poi l’uomo dalle Cinquanta Sfumature.
L’anima di Christian viene messa a nudo. Adesso veniamo a conoscenza del suo passato, dei suoi timori, delle sue angosce.

In questi tre libri abbiamo assistito a un’evolversi del personaggio di Christian in particolare e della coppia Anastasia/Christian in generale…
1.Il primo romanzo è basato soprattutto sul sesso, sul rapporto dominatore/sottomessa e sul prendersi le misure dei due protagonisti, ma già da “Cinquanta sfumature di Grigio” si è assiste ad una sorta di metamorfosi avvenuta in Christian, sconosciuta o forse dovrei dire negata inizialmente da quest’ultimo.
2.Nel secondo romanzo viene dato ampio spazio ai sentimenti, riconosciuti come tali e chiamati con il loro giusto nome.
Attenzione anche qui il sesso fa da padrona, ma non è più il sesso di “Cinquanta sfumature di Grigio”, non è più una prestazione con tanto di contratto, ma è il sesso spontaneo e con un po’ più di fantasia tra una coppia di amanti che tendono di conoscere i loro limiti e i loro gusti; qui entra in gioco anche il fattore legato alla gelosia e soprattutto la paura dell’abbandono che ci fa vedere Christian Grey sotto una nuovo luce, mettendo in evidenza le paure e le angosce di uomo che pur di arginarle e non fargli travalicare quel “limite assoluto” da lui stabilito, fa del controllo il suo baluardo, un luogo sicuro dove “nascondersi” e mantenere la sua pace interiore e sanità mentale.
Ma l’arrivo di Anastasia sgretolerà pian piano la sua fortezza, le sue convinzioni fino a portarlo in una condizione di “sottomissione” nei suoi confronti: totalmente soggiogato e abbattuto dall’amore incondizionato che lei riuscirà a dargli.
Il dominatore diventerà il sottomesso…
3.
“Cinquanta sfumature di Rosso” è più introspettivo se volete.
Il sesso non è più il fulcro della storia – c’è, è presente, ma non “onnipresente” –, viene messo in evidenza il loro rapporto di coppia, la loro convivenza e soprattutto, finalmente, veniamo a conoscenza del passato di Christian, fino ad arrivare a capire del perché del suo comportamento e cosa l’ha spinto a diventare il maniaco del controllo che noi tutti abbiamo imparato a conoscere.
In più viene messo a nudo l’animo umano di Christian, che in prospettiva ad una delle più grandi avventure di cui la vita gli farà dono – devo per forza essere criptica se no vi svelo parti salienti della trama – inizia ad avere veramente paura: paura di non essere pronto, di non essere all’altezza, di non essere adeguato… di commettere gli stessi errori e mancanze commesse in passato nei suoi confronti, paura che le sue Cinquanta Sfumature lo possono rendere un mostro… insomma timori che lo avvicinano di più al “genere umano”, che accomunano ogni uomo all’altro.
Sarà un susseguirsi di eventi che sgretolerà anche questi ultimi timori fino ad arrivare all’epilogo della storia…
Ed è proprio il finale che ha fatto calare, se pur di poco, il mio gradimento del libro: non so dirvi di preciso cosa, ma ho avvertito un senso di fastidio, una forzatura, una stonatura della storia che me l’ha resa “inverosimile”; c’era qualcosa sopra le righe, una sorta di forzata felicità che mi è andata a noia: come se i protagonisti fossero strafatti o come quando degli attori di serie c tendono di far apparire spontanea una risata che dovrebbe essere dettata dalla felicità e invece si capisce benissimo che è dettata da un copione… una forzatura appunto, qualcosa che non si addice per niente al nostro Mr. Cinquanta Sfumature.
Ma dopotutto questa potrebbe essere una mia impressione.
Comunque è vero sì che è un degno lieto fine di una storia d’amore come si deve, iniziata sotto i peggiori auspici, ma che tra gioie e dolori ha ottenuto finalmente il suo “… e vissero felici e contenti” .

È inutile tenere nascosta un’informazione che già avrete letto e straletto in altre recensioni e cioè i capitoli bonus che l’autrice ci regala alla fine del libro.
Vorrei accendere un riflettore anch’io – già... mi piace seguire la massa – sul primo capitolo di “Cinquanta sfumature di Grigio” visto e narrato dal punto di vista di Mr. Cinquanta Sfumature in persona.
In una sola parola? WOW!!!
Se gliene dovessi aggiungere un’latra allora direi FANTASTICO!!!.
È stato bello conoscere in prima persona i suoi pensieri, i suoi sentimenti e il primo impatto - emotivo e fisico – che Anastasia Steel ha avuto su di lui.
A tal proposito si vocifera, talaltro l’autrice stessa l’ha fatto intendere, che la James stia pensando di riscrivere l’intera trilogia narrata dal punto di vista di Christian…
Mma!!! Non so se sia una scelta saggia.
Magari riscrivere il primo libro sì, ci potrebbe stare oppure tentare di condensare il punto di vista di Christian in un unico libro… perché dico questo?
Perché secondo me la qualcosa potrebbe diventare VERAMENTE pesante e dare a noia…
per non parlare poi dell’agitazione che tale notizia potrebbe creare al popolo “moralista” che ha tentato in tutti i modi di arginare inutilmente il successo anche italiano della trilogia.

Concludendo… a parte l’inghippo del finale, anche questo terzo libro mi è piaciuto e mi ha emozionato forse anche più del secondo – che rimane sempre e comunque il mio preferito –, ha svelato molti segreti e mi ha portato ad affezionarmi ancora di più ai nostri due protagonisti.
Il resto dei personaggi non sono passati affatto in secondo piano: tutti ben collocati, tutti ben descritti, ognuno con la sua personalità, ognuno con i suoi pregi e difetti… tutti hanno contribuito a rendere questa storia… perfetta.
Perfetta per il genere a cui appartiene… come hanno detto molte mie colleghe blogger, la trilogia Cinquanta Sfumature non è il boom letterario del secolo, è solo il boom letterario degli ultimi mesi e sono sicura che presto anche questa serie passerà in sordina e ne resterà solo un eco lontano delle chiacchiere che sono nate intorno ad essa.
Non potrà mai essere paragonata ai grandi romanzi letterari, e penso proprio che questo non è mai stato lo scopo dell’autrice.
Ebbene…
CONSIGLIATO!!!

Dicendo ciò come potrò mai apparire agli occhi dei perfettini e pudichi moralisti?
Be’… sinceramente non me ne frega niente.

L'ho letto il... 2 Agosto 2012
GIUDIZIO:   1/2

25 commenti:

  1. popolo moralista gli italiani? se c'è un popolo moralista sono proprio gli americani...ed infatti a parer mio non c'è niente di erotico in questi libri dai dialoghi improbabili e dagli ancor più improbabili personaggi! aridatece Histoire d'O !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ho trovato il libro scontato e forse anche noiso, in questo non c'è nessun moralismo. E' una classica storia da bello e tenebroso con fatina sottomessa..............che pianto........dal punto di vista del sesso, così descritto, noiso anche quello.

      Elimina
    2. Sarà interessante ma ho letto sl le prime 64 pagine e mi sn annoiato

      Elimina
    3. sono totalmente presa da Christian ed Ana , come fate a criticare un romanzo cosi appassionante coinvolgente ed estremamente romantico, rileggetelo con il cuore .

      Elimina
  2. a me è piaciuto più il primo. Christian sottomesso del secondo libro l'ha snaturato un po'. Concordo sul finale troppo mieloso. Ma li ho letti tutti e tre in 3 giorni e li sto rileggendo....

    RispondiElimina
  3. Ciao, c'è un premio per te sul mio blog! http://clary-booktime.blogspot.it/2012/08/premio-almohada.html

    RispondiElimina
  4. io li ho letti tutti e tre il primo molto interessante gli altri due nn cosi tanto ma nel complesso li consiglerei!!buona lettura a tutti

    RispondiElimina
  5. c'è un premio per te sul mio blog
    http://sonia-ilghirigoro.blogspot.it

    RispondiElimina
  6. Come molte li ho letti solo per curiosità e sinceramente non sapevo neanche bene di cosa parlasse la trilogia...mi ha davvero intrigata...
    ok non è un capolavoro, mi ricorda molto la serie harmony che tanto andava di moda quando ero adolescente ma alla fine sono stata contenta di averla letta...ogni tanto c'è bisogno di leggerezza, e diciamoci la verità...ogni tanto c'è anche bisogno di fantasticare come un'adolescente per scrollarsi di dosso la quotidianità di una vita adulta!
    Per la cronaca, li sto rileggendo, perchè sono andata talmente di corsa che molti aspetti "introspettivi" mi erano sfuggiti!
    Il primo capitolo visto da Christian mi ha fatto impazzire, forse è stata davvero la cosa più interessante del terzo volume!

    RispondiElimina
  7. li ho letti tutti e tre in questa settimana, perché girano tra le amiche da giugno e solo ora è arrivato il mio turno. Dalle prime pagine mi sono scandalizzata: come può un libro anzi tre, scritti in una prosa così elementare avere tutto questo successo?
    I libri delle collane Harmony erano scritti in un linguaggio ben più ricercato, più articolato.
    Sembra un rimescolamento del romanzo di Elizabeth McNeill, nove settimane e 1/2 che lessi prima di vedere il film a metà degli anni ottanta (lo ricordano in pochi credo), e della ben più recente saga di Twilight, scritti da una ragazzina di seconda media.
    Sospetto che l'autrice abbia fatto tutto ciò di proposito, in questo caso, tanto di cappello alla sua furbizia.

    RispondiElimina
  8. una trilogia stupenda anche se sotto molti aspetti ho creduto di rileggere twilight.....adoro le love story

    RispondiElimina
  9. Salve a tutti! Il mio parere è che non abbia importanza nè il modo in cui è stata scritta questa trilogia, ossia con un linguaggio ricercato o meno, nè che possa assomigliare poco o molto ad altre serie già lette...credo che la cosa fondamentale sia che la storia e i personaggi sappiano in qualche modo attrarre i lettori, più o meno giovani che siano, ispirandoli a tal punto da far scattare in loro quella "scintilla del lettore", come la chiamo io, cioè la voglia quasi insensata, istintiva, di voler leggere quel determinato libro o quella determinata saga. E invito tutti a non soffermarsi sugli aspetti generali di un libro, traendo comunque il senso più profondo, un pò come si dovrebbe fare normalmente nei rapporti con le persone. Grazie della vostra attenzione! ;) Samantha

    RispondiElimina
  10. Buon pomeriggio a tutti.... Io sto leggendo il terzo libro e sinceramente i primi due sono stati meravigliosi. I primi due libri li ho letti im dur giorni e subito sono cirsa a comprare il terzo. In alcuni momenti ho desiderato essere Anastasia Steel.... Vediamo un po' come va a finire il terzo libro. Buona lettura a tutti.

    RispondiElimina
  11. ho letto solo i primi due,il primo mediocre, certo attirava la figura di christian,quindi ho deciso di comprare il secondo, che ho trovato decisamente patetico e banale, risultato? non compro il terzo!

    RispondiElimina
  12. Li ho letti tutti e tre quasi in un sol fiato e mi sono piaciuti tutti a tal punto che li sto rileggendo e questo perché sono scritti in un modo così leggero e scorrevole, dove sono descritti i sentimenti di ognuno in modo così coinvolgente che nel mio caso sono stata portata a leggere tutto quasi tralasciando particolari minimi che poi sarebbero tornati con il passare dei capitoli. Io mi sono sentita proprio così, coinvolta in senso buono ovviamente, proprio x la semplicità delle descrizioni quasi a far sembrare i personaggi parte di noi, al di la dei rapporti fisici tra loro.e' questo che mi ha coinvolto a tal punto da spingermi a rileggerli tutti subito dopo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono totalmente d'accordo con te!!! La semplicità nel modo di esprimersi dei personaggi è ciò che più ci avvicina a loro e più ci permette di immedesimarci nelle situazioni presenti nel libro...anche io li consiglio certamente! alla prossima...Samantha :)

      Elimina
  13. LA TRILOGIA DI 50 SFUMATURE?? BELLA - BELLA - BELLA - E ORA CHE LI HO FINITI TUTTI MI MANCANOOOOOOOOOO :(
    SPERO CHE CI SIA UN SEGUITO, O CMQ LA STORIA RIVISTA DAL PDV DI CHRISTIAN, COSì COME TERMINA IL ROSSO! è STATA UNA PARTE BELLISSIMAAAAAA! io amo 50 sfumature:)))

    RispondiElimina
  14. Finito da poco di leggerli tutti e tre,il primo e il secondo mi sono piaciuti anche se tradotti talmente male che certe scene non erano chiare, bisognava andarci di immaginazione,come quando Christian parla di José dice " é ancora arrabbiato" arrabbiato per cosa? innamorato no arrabbiato! il terzo é un po pesantino,solo il capitolo bonus mi é piaciuto molto sarebbe stato davvero bello se tutto il libro si sarebbe concentrato sul pensiero di Christian.
    Francesca

    RispondiElimina
  15. ho solo letto il primo della serie...in nove ore circa... certo non è un capolavoro di letteratura e anche a me ha ricordato a tratti molte altre saghe....ma ce un aspetto che mi ha affascinata parecchio e cioè l'accuratezza con cui la scrittrice mostra le caratteristiche psicologiche di entrambi. insomma o lei ha fatto molte esperienze oppure si è informata parecchio perchè ci sono tratti narcisistici- autodistruttivi di lui e varie sindromi da abbandono anche in lei che sono quasi da manuale di psicologia... che poi la scelta stilistica sia quella di rendere di facile lettura un libro che voleva vendere molto brava la scrittrice perchè non è proprio facile descrivere certe cose senza essere volgari o noiosi....purtroppo poi per apprezzarli al meglio andrebbero letti in lingua originale per cogliere tutte le varie "sfumature". ciao sam

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono assolutamente d'accordo con te!! trovo i libri fantastici soprattutto per il carattere psicologico della saga; anche a me ha ricordato in alcuni punti twilight ma sono due libri totalmente diversi! La scrittura è davvero molto semplice, ma coglie perfettamente nel centro. Trovo l'epilogo del Rosso un po' smielato e totalmente staccato dal resto del libro: l'improvvisa pace famigliare è strana, ma secondo me avrebbe dovuto spiegare come è potuto succedere un cambiamento così radicale(sarà perchè ha ripreso il suo stile erotico con Anastasia?). Mi sarebbe piaciuto capire di più i sentimenti di Christian in alcune parti tagliate e mi attira assolutamente la trilogia spiegata dalla parte di Christian anche se è già stata spiegata fin troppo bene in questi tre capitoli; ammiro la scrittrice di aver saputo parlare di un argomento delicato così dettagliatamente.

      Elimina
  16. Spazzatura. Pura spazzatura.
    La storia, i personaggi, i dialoghi... per fortuna non ci ho speso un euro.
    Tutti i cibi assaggiati sono "mmmh... deliziosi" (esistono anche i sinonimi, sai, cara autrice?); i termini "sexy", "supersexy", "gemo",etc sono ripetuti allo sfinimento. I pensieri della protagonista si ripetono identici per centinaia di volte. Le situazioni sono assurde (tutti, dal pazzo alla catatonica con pistola, riescono sempre a infilarsi in casa eludendo la megasicurezza del riccone). Lo stile è piatto, i personaggi sembrano usciti dalla seconda media, e l'erotismo fa sbadigliare (SEMPRE UGUALE!!!). Il BDSM dei puffi, ecco cos'è.
    Libro da casalinghe cerebrolese, perfetto per l'italiano medio che si guarda uomini e donne.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. lo sai perchè non ti sono piacciuti i libri? perche avresti voluto esserci tù al posto di anastasia ..ti sarebbe piaciuto credimi :)

      Elimina
    2. 6 veramente pessima...credo che ti serva qualche corso di educazione....visto che sai solo critticare....e riguardo uomini e donne mi pare che anche tu sia italiana....casalinghe????ce solo da rispettarle e ammirarle....io nn sono una casilga eppure li o letti tutti e 3 e se sai di cosa parla i libro nn e solo sesso ma ce una storia all interno....prima di parlare informatiiii..che se ha fatto successo nn e per niente...

      Elimina
  17. Io le ho letti solo x curiosità, e devo dire che mi sn appassionata, xke amo le storie complicate e d'amore.... la cosa bella e che tutta questa oscurità che aveva Cristian grazie all'amore di Ana, cambia e quindi il messaggio che secondo me ci lancia la scrittrice e quello che: IL BENE VINCE SEMPRE CONTRO IL MALE.... devo dire ke è un bellissimo messaggio... ma tutto ciò nn toglie come dice YLLIA,il problema di questi libri, l'essere tutto troppo ripetitivo e molto scontato, quella è una grandissima pecca....

    RispondiElimina
  18. A me sinceramente questa trilogia fa impazzire, e non per il sesso che sinceramente all'inizio del terzo volume mi aveva un po' stufata, ma per la parte emotiva. Un uomo che cambia e affronta le sue paure per amore. Sarà pure abbastanza una storia banale, ma il banale e il lieto fine d'altronde piace a tutti! :) non lo trovo affatto noioso ma sono solo a pagina 150 circa del terzo volume! Gli altri due li ho letti in tre giorni e mi incuriosisce sempre di più la storia :) solo che un film non me lo sarei mai aspettata ahahaha

    RispondiElimina

Ultimi Post